App store optimization (aso): le chiavi per posizionare un’applicazione mobile sugli store apple e android!

pubblicato su 22 Giugno, 2022 di

0 commentos

La richiesta di app mobile è più forte che mai: nel 2019 gli utenti hanno scaricato 204 miliardi e speso 120 miliardi di dollari (State of Mobile 2020).

In questo contesto, è naturale voler lanciare un’applicazione mobile propria, ma c’è un (grosso) problema: i due Store principali offrono più di sei milioni di app, rispettivamente 3,6 milioni per Google Play e 2,7 milioni per AppStore. Non c’è bisogno di dire che la concorrenza è agguerrita e che le esigenze degli store aumentano con l’aumentare del numero di candidati. Tuttavia, gli utenti non possono scaricare un’app se non la vedono…

È qui che entra in gioco l’app store SEO: App Store Optimization (ASO). Un processo per ottimizzare un’app al fine di massimizzarne la visibilità, aumentare il numero di clic e incrementare la velocità di download, attirando utenti qualificati che non la disinstalleranno pochi giorni dopo. Questa è la base di una strategia Mobile Growth.

Come il posizionamento naturale per un sito Web, l’App Store Optimization (ASO) punta a migliorare il posizionamento di un’applicazione mobile sugli app store SEO, in particolare su quelli di Apple e Google (i più importanti). Esploriamo ulteriormente il mondo dell’ottimizzazione mobile prima di scoprire i criteri principali per il posizionamento delle applicazioni.

App Store Optimization (ASO) VS Search Engine Optimization (SEO)

Il confronto ASO/SEO è abbastanza naturale: entrambi gli approcci condividono lo stesso obiettivo (migliorare la visibilità nei risultati di ricerca) e attribuiscono uguale importanza alle parole-chiave. Per il resto, i criteri di posizionamento sono differenti. Ad esempio, la SEO presta attenzione alla frequenza di rimbalzo e alla velocità di caricamento della pagina, mentre l’ASO al tasso di disinstallazione delle app e al loro utilizzo. Inoltre, l’elenco dei criteri dell’App Store Optimization (ASO) è molto più breve rispetto a quello della SEO (dieci contro più di 200).

Una delle principali differenze tra questi approcci risiede nello scopo del processo. Nel posizionamento naturale, l’obiettivo è generare traffico, ma nell’App Store Optimization (ASO), il traffico è solo una faccia della medaglia. L’altro è la conversione, ovvero la capacità dell’app di aumentare i download. Perché, una volta che l’applicazione è disponibile su un’app store SEO, l’utente deve comunque essere convinto a installarla sul proprio telefono (acquistandola o meno, a seconda del modello di business) e a utilizzarla, due parametri fondamentali per l’App Store Optimization (ASO).

I principali app store: App Store e Google Play

Il processo dell’App Store Optimization (ASO) richiede conoscenza approfondita del funzionamento degli app store. Con la nostra App Store Optimization guide analizzeremo più da vicino i due principali attori del mercato, che nel 2019 hanno generato un fatturato combinato di quasi 40 miliardi di dollari (SensorTower).

  • L’AppStore è il negozio di applicazioni di Apple. Storicamente, è il primo in assoluto ad aver visto la luce: il suo lancio ha accompagnato quello dell’iPhone 3G nel 2008. In undici anni il numero di app disponibili è passato da 800 a 2,7 milioni.
  • Google Play è lo store specifico per i dispositivi Android. La sua nascita nel 2012 è il risultato della fusione di diversi servizi Google (Film, Musica, eBookstore) e Android Market. Il negozio è profondamente legato all’ecosistema Google.

Entrambi gli app store SEO condividono lo stesso obiettivo: fornire agli utenti Internet le applicazioni mobile create da editori first-party o di terze parti. Tuttavia, ognuno ha il proprio algoritmo per posizionare le applicazioni e gli strumenti dell’App Store Optimization (ASO) non funzionano tutti allo stesso modo, sebbene la maggior parte siano comuni.

Questo significa solo una cosa: ottimizzare un’applicazione su ciascuno dei due Store significa conoscere e applicare una serie di regole potenzialmente distinte. Tuttavia, prima di approfondire la questione dei criteri, dobbiamo fare una breve deviazione per tentare di capire come gli utenti cercano le applicazioni su questi store.

Come fanno gli utenti a trovare le app mobili che gli interessano

Gli utenti che utilizzano gli smartphone per navigare su Internet hanno un modo molto particolare per cercare le applicazioni mobile nelle app store SEO: Il 75% di loro cerca un’app specifica, la maggior parte delle volte utilizzando il motore di ricerca interno dello Store. Una minoranza passa attraverso classifiche e “caratteristiche”.

Fonte: appradar.com

Tale ricerca utilizza o il nome dell’applicazione o il nome del marchio che l’ha realizzata, oppure una ricerca generica corrispondente a un’esigenza (ad esempio: “blocco note” o “meteo”). Questo ci dà un’indicazione dell’importanza delle parole-chiave in un processo di App Store Optimization (ASO).

Cosa succede una volta trovata l’app? Il suo posizionamento influenza il potenziale di download. Più in alto viene visualizzata l’app nei risultati, più è probabile che venga scaricata, sapendo che gli utenti consultano in media i primi cinque risultati. Tuttavia, i download influenzano, a loro volta, il ranking dell’applicazione, creando, così, un circolo vizioso.

Ora che conosci le basi, approfondiamo il discorso.

App Store Optimization (ASO): criteri di posizionamento per le app mobile

I criteri principali dell’App Store Optimization (ASO) sono comuni a entrambi gli store, AppStore e Google Play:

  • Le parole-chiave
  • Il titolo/nome dell’applicazione
  • La descrizione dell’app
  • La categoria in cui si fa riferimento all’applicazione
  • La grafica dell’app
  • La regolarità degli aggiornamenti
  • Il numero di download
  • Il numero di utenti attivi
  • Le valutazioni e i commenti degli utenti
  • La qualità dell’applicazione

Continua a leggere la nostra App Store Optimization guide per scoprire le varie differenze nell’ambito dell’App Store Optimization (ASO) e le migliori strategie per posizionare un’applicazione per ciascun criterio.

LE PAROLE-CHIAVE

Come per la SEO, le parole-chiave sono un pilastro dell’App Store Optimization (ASO). Si tratta di individuare, e poi utilizzare, le keyword più ricercate dagli utenti di Internet quando desiderano trovare un’applicazione su un’app store SEO, collocandole in modo pertinente nei diversi campi.

È necessario scegliere le parole-chiave con cui vuoi che la tua app venga trovata, ad esempio, “bracciali fantasia” per un’applicazione che vende questo tipo di accessorio.

Sebbene le parole-chiave siano essenziali per il posizionamento delle app mobile su entrambi gli store, sono comunque valutate in modo diverso.

  • L’AppStore fornisce un campo specifico dedicato alle parole-chiave. Inserisci quelle con cui vuoi che la tua applicazione appaia nei risultati. Per impostazione predefinita, lo Store può attingere ai termini utilizzati dalle app concorrenti o semplicemente utilizzare il nome della categoria. Tieni presente che non è molto utile ripetere più volte le parole-chiave in un determinato campo di questo app store SEO.
  • Google Play funziona fondamentalmente come il motore di ricerca Google: l’algoritmo tiene conto di tutti gli elementi di testo durante l’indicizzazione dell’applicazione. Puoi ripetere più volte le parole-chiave nello stesso campo.

In entrambi i casi, il nome dello sviluppatore o dell’editore deve essere compilato per motivi di trasparenza, ma anche perché migliora il posizionamento dell’applicazione.

Nell’ambito dell’App Store Optimization (ASO), strumenti come Google Keyword Planner sono sufficienti per identificare le parole-chiave pertinenti. In alternativa, ci sono soluzioni a pagamento come data.ai o Mobile Action. Puoi anche prendere spunto dalla categoria in cui viene collocata la tua app, dalle sue caratteristiche, dai sinonimi delle parole-chiave più richieste, ecc.

Come nel caso della SEO, bisogna stare attenti a non utilizzare parole-chiave troppo competitive. Diversamente, le possibilità di posizionarsi nei primi risultati degli app store SEO, soprattutto con un’applicazione nuova, diventano molto scarse contro i giganti della stessa categoria.

IL TITOLO/NOME DELL’APPLICAZIONE

Il campo titolo/nome è uno degli elementi più importanti dell’App Store Optimization (ASO) per una buona ragione: è ciò che definisce l’identità della tua applicazione, ma anche la prima cosa che gli utenti vedranno durante la ricerca. Inoltre, le parole-chiave inserite nel titolo sono quelle che hanno il maggior peso in termini di posizionamento.

Vignette : TITOLO

  • Sull’AppStore, il titolo non deve superare i 30 caratteri. Tuttavia, è possibile aggiungere un sottotitolo di massimo 170 caratteri. Inutile dire che si può sfruttare tale opportunità per inserire parole-chiave aggiuntive! Possono anche essere inserite CTA (call-to-action) per incoraggiare il download.
  • Su Google Play, il titolo è limitato a 50 caratteri. Puoi inserire le parole-chiave tutte le volte che vuoi.

Assicurati che il titolo della tua app sia pertinente, attraente, di facile lettura e comprensione, semplice da ricordare e unico. Non dimenticare di includere il nome dello sviluppatore e/o dell’editore.

LA DESCRIZIONE

La descrizione è un’altra informazione essenziale per l’App Store Optimization (ASO) della quale vogliamo parlarti nella nostra App Store Optimization guide. È utilizzata per fornire informazioni agli utenti sull’applicazione, sulle sue caratteristiche e sui suoi vantaggi. È importante anche per l’algoritmo degli app store SEO, in particolare per trovare le preziose parole-chiave.

  • Su AppStore, lo spazio assegnato alla descrizione è ampio: fino a 4.000 caratteri. L’algoritmo non tiene conto delle parole-chiave utilizzate in questo campo, ma puoi comunque sfruttarlo per presentare i punti di forza della tua applicazione e incoraggiare i download.
  • Su Google Play ci sono due descrizioni: la versione breve, fino a 80 caratteri, e la versione lunga, fino a 4.000 caratteri. Quella breve serve per attirare l’attenzione degli utenti con poche parole scelte accuratamente (e perché no, anche con gli emoji), mentre quella lunga è l’ideale per spiegare caratteristiche e inserire parole-chiave. Anche in questo caso, l’obiettivo è incoraggiare le persone a scaricare l’applicazione.

Poiché la descrizione è destinata sia agli utenti che agli algoritmi degli app store SEO, assicurati che sia chiara e pertinente e che le parole-chiave siano inserite in modo naturale.

LA GRAFICA

La grafica dell’app è parte integrante dell’App Store Optimization (ASO). Può essere divisa in due categorie:

Vignette : GRAFICA

  • L’icona dell’app, fondamentale per invogliare gli utenti a saperne di più. È proprio questa miniatura che attirerà l’attenzione.
  • Gli screenshot e i video, determinanti per convincere a scaricare l’applicazione mostrandone il funzionamento dell’app.

Su questo punto i due store operano allo stesso modo: consentono di inserire l’icona, gli screenshot e i video. Inseriscine il maggior numero possibile per informare gli utenti, aumentare la percentuale di clic e download e scalare le classifiche.

LA CATEGORIA

Un’applicazione deve essere collocata nella giusta categoria: questo permette agli utenti di valutarne la pertinenza alle proprie esigenze. È anche un criterio di posizionamento nel contesto della strategia di App Store Optimization (ASO), poiché l’algoritmo utilizzerà queste informazioni per indicizzare la tua app. Ovviamente, ad esempio, un’app meteo classificata come “salute e fitness” non sarà considerata rilevante dall’algoritmo degli app store SEO.

Vignette : CATEGORIA

Su questo punto i due Store differiscono alquanto:

  • L’AppStore consente di selezionare una categoria principale e una categoria secondaria. Usa entrambe le possibilità per migliorare la pertinenza del tuo posizionamento.
  • Google Play offre solo una categoria. Deve, quindi, essere selezionata con la massima cura.

Per scegliere la categoria giusta quando non è proprio chiara (ad esempio, un’applicazione nutrizionale dovrebbe essere inserita nella categoria “cibo” o “salute”?) mettiti nei panni degli utenti: dove è probabile che cercheranno la tua app?

GLI AGGIORNAMENTI

Per entrambi gli Store, gli aggiornamenti periodici dell’applicazione inviano segnali positivi: è la prova che l’app è in evoluzione e che si impegna a soddisfare sempre di più gli utenti. Pertanto, qualsiasi aggiornamento dovrebbe portare un miglioramento, cambiare uno sfondo non è abbastanza!

È anche un fattore dell’App Store Optimization (ASO), nel senso che un aggiornamento permette di modificare informazioni e parole-chiave.

IL NUMERO DI DOWNLOAD E UTENTI ATTIVI

Altri due criteri interessati nel coinvolgimento degli utenti che vogliamo analizzare in questa App Store Optimization guide sono il numero di download e gli utenti attivi. Entrambi sono criteri accessibili solo dopo che l’applicazione è stata per un certo periodo di tempo sugli app store SEO.

  • Il numero di download. Più un’applicazione viene scaricata, più l’algoritmo migliora il suo ranking, più ottiene visibilità… e più viene scaricata!
  • Il numero di utenti attivi. Scaricare un’app è una cosa, usarla regolarmente è un’altra. Gli algoritmi apprezzano le app che mostrano un numero elevato di utenti attivi. Si parla di “retention”: la possibilità di trattenere gli utenti una volta che hanno installato l’app sul proprio dispositivo mobile.

Ma attenzione, perché gli algoritmi tengono conto anche del parametro opposto: se un’applicazione viene spesso disinstallata, che sia per mancanza di rilevanza o per motivi tecnici, verrà inviato un segnale (molto) negativo. Questo fattore rende la qualità un criterio davvero importante (vedi sotto).

LE VALUTAZIONI E I COMMENTI

La soddisfazione degli utenti è un fattore particolarmente importante dell’App Store Optimization (ASO), e, perciò, occupa un posto fondamentale nell’indicizzazione di un’applicazione che vuole migliorare il proprio ranking all’interno degli app store SEO.

  • La valutazione è importante su entrambi i negozi. Come mostra il grafico sottostante, solo il 50% degli utenti afferma che scaricherebbe un’app con 3 stelle su 5 e il 15% una con solo 2 stelle!

Pertanto, una buona valutazione aiuta ad aumentare la velocità di download, e, di conseguenza, inviare un segnale positivo all’algoritmo, mentre una valutazione negativa non attrae gli utenti di Internet.

I commenti sono strumenti di acquisizione. La maggior parte degli utenti legge almeno un feedback prima di scaricare un’applicazione, soprattutto se è a pagamento. Anche in questo caso, i commenti positivi (o le risposte rilevanti ai commenti negativi) influenzano il numero di download, e quindi il posizionamento dell’applicazione nei risultati degli app store SEO.

In termini di App Store Optimization (ASO), è, perciò, fondamentale chiedere agli utenti di valutare la propria applicazione (al momento giusto: almeno dopo qualche giorno di utilizzo) e lasciare un feedback. È, inoltre, necessario rispondere il più rapidamente possibile a eventuali commenti negativi.

VISIBILITA’ SU GOOGLE: UNA PARTICOLARITÀ DI GOOGLE PLAY

Google Play ha una particolarità per quanto riguarda l’App Store Optimization (ASO): un’app che gode di buona visibilità organica su Google può migliorare il proprio posizionamento sullo Store.

È il numero di download che viene preso principalmente in considerazione: più un’app è visibile, più viene scaricata e più l’algoritmo la valuta come rilevante. Tuttavia, anche il motore di ricerca influenza in parte l’algoritmo di Google Play.

LA QUALITÀ: UN CRITERIO (OVVIAMENTE) ESSENZIALE

Per concludere la nostra App Store Optimization guide , c’è veramente bisogno di specificare che uno dei fattori più importanti dell’App Store Optimization (ASO) è la qualità dell’app?

La qualità influenza naturalmente il numero di download, le valutazioni fornite dagli utenti e i loro commenti, tre criteri presi in considerazione dagli algoritmi dei due app store SEO per ordinare le applicazioni che meritano di essere posizionate meglio rispetto ad altre.

Un’app di qualità dovrebbe:

  • Rispondere all’uso per cui è stata progettata (fornire informazioni, intrattenere, permettere di interagire con altre persone, trovare prodotti o servizi, ecc.);
  • Essere facile da usare (ergonomia, chiarezza dell’interfaccia, ecc.);
  • Introdurre innovazioni rispetto alle applicazioni concorrenti;
  • Generare buona velocità di download, ma anche fidelizzazione;
  • Essere aggiornata regolarmente, soprattutto per correggere i bug;
  • Essere tecnicamente impeccabile.

Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’App Store Optimization (ASO)! Adesso, ti basta programmare la tua strategia di posizionamento per app mobili.

Se questo articolo ti è piaciuto, puoi lasciare un commento o seguici su Facebook o seguici su Twitter.

Questo articolo è stato pubblicato in Posizionamento SEO e taggato . Inserisci il collegamento permanente ai tuoi preferiti.

VUOI SAPERNE DI PIÙ SULL'ATTUAZIONE DI UNA STRATEGIA SEO?

Non esitate a contattarci ora!

0 risposte per "App store optimization (aso): le chiavi per posizionare un’applicazione mobile sugli store apple e android!"