SEO SU SALESFORCE COMMERCE CLOUD (COMMERCIO B2C): OTTIENI IL MEGLIO DAL TUO CMS

pubblicato su 26 Agosto, 2021 di

0 commentos

Come Magento, Prestashop, BigCommerce o Drupal, Salesforce B2C Commerce (ex Demandware poi Salesforce Commerce Cloud, e più conosciuto con l’acronimo “SFCC”) è un CMS ospitato su SAAS.

SFCC è una soluzione cloud su cui esiste finora poca documentazione, soprattutto per quanto riguarda la SEO – Vogliamo, perciò, condividere con voi alcuni consigli per ottenere il massimo da questo CMS dal punto di vista del posizionamento naturale.

Essendo esperti di questa soluzione grazie alle nostre numerose referenze su Salesforce B2C Commerce (chiamato anche SFB2CC), abbiamo deciso di arricchire questo articolo condividendo l’esperienza di uno dei nostri clienti (vedi fine articolo):

  • Jonathan Boudault, Traffic & Acquisition Manager presso Petit Bateau

Le leve del tuo e-commerce centralizzate nello stesso spazio cloud

CATALOGO

La sezione Catalogo raccoglie tutte le informazioni sui prodotti. Solitamente collegato al PIM (Product Information Management), il catalogo SFCC raggruppa le pagine di ogni categoria (ad es. “Abbigliamento donna”) e i prodotti ad essa assegnati con tutte le informazioni necessarie: variazioni di taglia, colori, prezzo, disponibilità, ecc.

La parte più difficile nell’implementazione e manutenzione di un catalogo SFCC è assicurarsi che i campi della scheda prodotto siano tutti correttamente compilati, per evitare gli effetti collaterali negativi quando il contributo non viene mostrato correttamente.

In effetti, questi campi hanno diversi ruoli:

  • Gestire la messa online oppure offline del prodotto
  • Accrescere la precisione in ogni scheda prodotto per guidare i visitatori nella loro scelta
  • Garantire che i prodotti siano identificabili dalla ricerca interna
  • Ottimizzare gli URL e i tag SEO: meta titolo, meta descrizione, H1 – Invece di ottimizzare manualmente i tag delle pagine categoria e prodotto in un catalogo di migliaia di prodotti, SFCC richiama i dati inseriti nei campi a loro dedicati per ottimizzarli in modo dinamico
  • Definire la categoria principale nel caso in cui il prodotto si trovi in più categorie (ad es. “Nuovi prodotti” e “Maglioni”) per avere un solo e unico URL

Per i siti multilingue e multi-paese è possibile avere un catalogo per le singole località in modo da gestire i prodotti specifici di ogni mercato. Viceversa, è anche possibile avere un catalogo comune.

CONTENUTI

Anche le pagine di contenuto possono essere gestite su Salesforce, sia che si tratti del blog, delle pagine dell’”account cliente” o della pagina di contatto.

Queste pagine di contenuto funzionano in modo leggermente diverso dal catalogo prodotti. Sono tutte archiviate in una libreria come “Folder”, in cui si trovano i “Content Assets”. Per dirla semplicemente: la Content Folder corrisponde alla pagina dei contenuti e i Content Assets corrispondono agli elementi che troveremo in questa pagina. Esempio con la Content Folder “FAQ” di Petit Bateau, nel back-office di Salesforce vediamo chiaramente questa gerarchia.

Content Folder:

In cui troviamo i Content Assets:

L’utente trova anche la stessa gerarchia sul sito, compresi i Content Assets sotto l’H1 “FAQ”:

TROVA NEGOZIO

Anche le schede del negozio possono essere implementate su Salesforce Commerce Cloud: ciò consente loro di beneficiare di regole dinamiche in termini di URL, meta titoli, meta descrizioni, H1, nonché delle basi tecniche del Core Model.

Il Core Model: una soluzione adatta ai negozi online multilingue/multipaese


Che cos’è il Core Model per il commercio B2C di Salesforce? Concretamente, è la base del tuo negozio online. La maggior parte dei negozi multimarca o multipaese ottimizza un Core Model apportando gli sviluppi e le configurazioni necessarie (in particolare SEO) su una base, che può poi essere applicata ad altre versioni (un altro marchio o un’altra lingua) con un impegno limitato realizzando enormi economie di scala: si tratta di uno dei principali punti di forza del CMS Salesforce B2C Commerce.

Ad esempio, per il progetto Petit Bateau tutte le raccomandazioni SEO vengono implementate sul Core Model solo una volta, ma declinate nelle 7 sedi del marchio – 7 siti, ma con una sola implementazione.

Viceversa, ciò non ci impedisce di integrare raccomandazioni specifiche per un marchio di un gruppo multimarca, o per una versione linguistica di un sito; che si tratti di una semplice configurazione nel Business Manager (back-office Salesforce Commerce Cloud) o di uno sviluppo personalizzato.

Tre istanze: Sviluppo, Staging, Produzione

I siti SFCC sono tutti divisi in tre istanze, ognuna delle quali ha un ruolo da svolgere per il successo del progetto:

  • Sviluppo (o UAT) – L’istanza in cui vengono effettuati gli sviluppi e i test di configurazione, per non correre rischi.
  • Produzione – L’ambiente in linea: i consigli SEO non vengono mai implementati direttamente sull’ambiente di Produzione, ma su Staging e poi replicati in Produzione attraverso la sezione “Amministrazione”.
  •  
  • Staging – L’istanza centrale. Una volta che i test sono stati validati su Sviluppo, l’implementazione viene eseguita su Staging, quindi replicata su Produzione per la pubblicazione online. Quando si tratta di configurazione dal Business Manager (es. ottimizzazione del file robots.txt), è possibile farlo direttamente su Staging senza passare per la fase di test sull’istanza di Sviluppo.

Il modulo “Amministrazione” di Business Manager: esporta e importa le configurazioni in XML

Gestire un negozio di e-commerce con migliaia o addirittura milioni di prodotti è spesso considerato molto impegnativo:

  • “Come posso essere sicuro che le mie schede prodotto siano ottimizzate senza controllarle per settimane intere?”
  • “La nuova collezione arriverà tra 2 mesi: quando avrò finito di ottimizzare tutte le pagine dei miei prodotti, non saranno più online”

È qui che entra in gioco l’esportazione/importazione della sezione “Amministrazione”. Grazie a questo modulo è possibile modificare in massa i dati di migliaia di pagine.

Parliamo di esportazione/importazione e non viceversa, il significato è importante. Per apportare modifiche di massa al tuo catalogo, ecco i passaggi da seguire:

  1. Esportare i dati esistenti in XML dalla sezione Amministrazione
  2. Modificare in blocco i dati necessari per implementare la raccomandazione SEO
  3. Importare di nuovo questo file .zip in Amministrazione

Ad esempio, vuoi aggiungere alcuni dei prodotti al file sitemap.xml, ma non il 100% dei prodotti. Tuttavia, il modulo “Sitemaps” consente solo di spuntare o meno la casella “Sitemap incluso”; quindi o non si aggiunge nessuna scheda prodotto al file o si aggiungono tutte.

L’esportazione come XML del sitemap esistente ti consentirà di modificare l’attributo “Sitemap incluso” in “SÌ” o “NO” in massa, quindi reimportare e testare su Staging prima di replicare in Produzione per rendere effettive le modifiche.

Questa esportazione/importazione XML è molto pratica anche per una riprogettazione della navigazione o una migrazione da un altro CMS a Salesforce Commerce Cloud, in particolare nella gestione dei reindirizzamenti.

Migrazione verso Salesforce B2C Commerce: un primo passo cruciale nella prova del CMS

La migrazione verso SFCC è il primo passo della prova e forse il più importante; è, quindi, fondamentale essere supportati da esperti di SEO x Salesforce Commerce Cloud. Un processo di migrazione incompleto può avere un impatto negativo sulla visibilità SEO e, quindi, sul fatturato.

Salesforce ti fornisce un Core Model che raramente è sufficiente per puntare a migliorare la visibilità SEO, quindi, è necessario arricchirlo con specifiche SEO che a volte richiedono sviluppo.

Un CMS in continua evoluzione

SITE GENESIS VS. SFRA

Site Genesis è la vecchia versione del Core Model che Salesforce ha sviluppato con nuove specificità in termini di SEO, UX e architettura con l’arrivo di SFRA (Storefront Reference Architecture), basando questa nuova struttura sul mobile.

PAGE META TAG RULES

Il modulo delle Page Meta Tag Rules è arrivato quasi contemporaneamente a SFRA, ma è anche possibile aggiungerlo ai siti sotto Site Genesis, sviluppandolo.f

Il modulo consente di ottimizzare i meta tag per tipologia di pagina, quindi simultaneamente. È possibile anche aggiungere funzionalità specifiche per ogni pagina.

Ecco il tipo di tag inclusi nelle Page Meta Tag Rules:

  • Meta Title
  • Meta Description
  • Meta Robots

Il modulo è così composto:

Quali sono i passaggi da seguire per ottimizzare i metadati delle pagine su migliaia di pagine?

  1. Creare le Meta Tag Definitions
  • Inserire una regola per ogni tipo di pagina e ogni tipo di meta che vuoi ottimizzare, rispettando i prerequisiti SFCC

Gli attributi che vediamo sopra devono essere forniti correttamente a monte, altrimenti i dati non verranno visualizzati e i meta tag non saranno ottimizzati.


È possibile personalizzare i meta tag delle pagine filtrate aggiungendo una regola specifica, in questo modo e seguendo l’esempio di Pacific Pêche:

Un ottimo modo se hai rilevato opportunità semantiche relative alla gestione dei filtri e vuoi posizionarti in alto.

Per fare ciò, è necessario prima di tutto che sia configurato il perfezionamento di ricerca per categoria (vedi URL Rules). È a questo punto che puoi aggiungere dei tipi di filtro (es. colore, taglia, ecc.) e dei valori del filtro (es. blu, nero, rosso, ecc.).

  • Aggiungere una posizione alla regola invece di “Predefinito”: è molto pratico quando vogliamo aggiungere delle costanti in ogni lingua (es. aggiungi “vêtement” per il sito FR o “ropa” per il sito ES).
  • Assegnare la regola a un catalogo e a categorie, contenuti o prodotti

GESTIONE DEI LOG

Per molto tempo a livello SEO, ciò che mancava a Salesforce B2C Commerce era l’accesso ai log del server.

Salesforce ha fatto un primo passo dando accesso ai log del server ora per ora, permettendoci di analizzare i passaggi dei bot dei motori di ricerca sul sito.

Questi log sono disponibili nella sezione Amministrazione.

Come ottimizzare il SEO su SFCC?

L’impostazione di una strategia SEO su SFCC richiede un’ottima conoscenza della piattaforma.

Ecco i passaggi da seguire:

  1. Analizzare l’esistente attraverso un audit

L’esecuzione di un audit tecnico/in loco e della concorrenza è sempre un ottimo punto di partenza. Questo ci permette di fare il punto della situazione del sito e identificare le aree di miglioramento.

È anche un’opportunità per scattare una fotografia immediata delle posizioni sui motori di ricerca e rilevare nuove opportunità.

  • Eseguire la ricerca di parole chiave

Uno studio delle parole chiave ci aiuterà a determinare se il posizionamento attuale è buono e a identificare gli argomenti da trattare in base all’intenzione di ricerca dell’utente, per ogni argomento dato.

Ad esempio, attorno al tema “maglioni” avremo sicuramente opportunità semantiche riguardanti:

  • Genere – “maglione da donna”
  • Varianti prodotto – Es. colore – “Maglione donna rosso”
  • Tessuto – “Quale materiale scegliere per un maglione?”
  • Cura – “Come prendersi cura maglione cashmere?”
  • Prezzo – “maglione donna economico”
  • Confronto – “Miglior maglione da donna in cashmere”
  • Marchio – “Maglione a righe da donna Petit Bateau”

Nelle query di cui sopra avrai identificato diverse intenzioni di ricerca: transazionale, di navigazione, informativa o commerciale.

  • Assicurati che i dati Catalog siano visualizzati correttamente

Uno degli elementi essenziali di cui abbiamo parlato all’inizio dell’articolo, ossia la visualizzazione dei dati, è fondamentale per una buona ottimizzazione SEO. È a questo punto che entrano in gioco il tuo team di lavoro e il tuo PIM. Più dati avrà il tuo catalogo, più possibilità avremo in termini di ottimizzazioni SEO.

  • Scrivi specifiche SEO precise

Come abbiamo già detto, il Core Model è una buona base, ma non eccezionale. Se vuoi andare alla ricerca di nuove posizioni, dovrai aggiungere delle specifiche precise.

Scriviamo queste specifiche sotto forma di compiti per gli sviluppatori, fornendo quanti più dettagli possibili.

Questo passaggio consente di distinguere tra un consulente SEO che non conosce la soluzione e un consulente SEO esperto di SFCC. Alcune raccomandazioni non sono implementabili su SFCC o solo in modo molto specifico: o è una raccomandazione già disponibile tramite il Core Model e, quindi, nativa, oppure richiede una configurazione nel Business Manager o uno sviluppo personalizzato.

  • Dividere queste specifiche tra: SFCC nativo vs. sviluppo personalizzato

La stesura di queste specifiche non deve essere generica, è necessario entrare nel dettaglio per supportare al meglio gli sviluppatori e ridurre il costo degli sviluppi SEO.

Ad esempio, se si vogliono inserire meta noindex su determinate pagine per evitarne l’indicizzazione, ecco la distinzione tra una raccomandazione generica e una specifica precisa:

  • Generica: “Inserisci meta noindex sulle pagine filtrate”
  • Specifica precisa: “Inserisci meta noindex sulle pagine filtrate, identificate da un parametro “?prefn1” nell’URL se non viene riscritto, o contenente una costante “/f/” se viene riscritto. Creare la seguente regola nelle Page Meta Tag Rules:

${IF OriginalRequestURL CONTAINS Constant(‘/f/’) THEN Constant(‘noindex,nofollow)}${IF OriginalRequestURL CONTAINS Constant(‘prefn’) THEN Constant(‘noindex,nofollow’)}

  • Configurare il modulo SEO del Business Manager
    • Controllare l’indicizzazione con il robot.txt

Il file robots.txt è configurabile manualmente senza ulteriori sviluppi. Salesforce fornisce una serie di linee guida di base da configurare, ma puoi personalizzarla totalmente. Questo modulo è particolarmente essenziale per impedire ai motori di ricerca di eseguire la scansione di combinazioni di URL infiniti filtrati.

Per modificare il robots.txt dell’ambiente di Produzione non è necessaria la replica, poiché la modifica può essere effettuata manualmente.

  • Definire le regole degli URL

Puoi generare gli URL utilizzando il modulo URL rules in modo dinamico e per tipo di pagina: catalog (pagine categoria e prodotto), content, pipeline.

Si tratta di chiamare i campi compilati correttamente nel tuo catalogo per visualizzarli dinamicamente nei tuoi URL.

Per assicurarsi della configurazione, lo strumento “Rule Preview” nella parte inferiore di questa schermata ti consente di visualizzare in anteprima il risultato delle tue regole.

In questo modulo hai anche la possibilità di configurare altri parametri:

  • Aggiunta o rimozione di una “/” alla fine dell’URL (barra finale)
  • Sostituzione di caratteri speciali (es. “ê” sostituito da “e”)
  • Scegliere di riscrivere determinati URL filtrati, invece di lasciare i parametri “?prefn”
  • Configurare i separatori di URL (es. utilizzo di “+” per separare due valori dello stesso filtro. Es. ‘/blu+nero’)
  • Definire l’ordine di visualizzazione dei filtri nell’URL:
    1) Colore
  • 2) Genere

3) Taglia

  • Definire le costanti (es. ‘/filtro/’ per visualizzare i filtri)


    • Reindirizzamenti

Ci sono 3 moduli per impostare i reindirizzamenti: URL Redirects, Static Mapping e Dynamic Mapping; tutti hanno le loro particolarità e un ruolo diverso da svolgere.

Hanno anche un ordine di priorità nel caso in cui un URL sia interessato da più regole provenienti dai 3 moduli di reindirizzamento.

  1. URL Redirects

Il modulo di reindirizzamento più potente: i reindirizzamenti di questo modulo hanno sempre la precedenza sulle regole di mappatura statica o dinamica.

Se uno dei reindirizzamenti Static o Dynamic non funziona come previsto, ciò potrebbe essere dovuto all’esistenza di un reindirizzamento nel modulo URL Redirects.

Il modulo ci consente di reindirizzare URL, ID, preservare i parametri UTM ed eseguirli manualmente uno per uno o simultaneamente tramite un’importazione XML.

  1. Static Mapping

Lo Static Mapping viene generalmente utilizzato durante le migrazioni verso SFCC ed è il secondo modulo prioritario per i reindirizzamenti.

La regola di gestione è la seguente:

ParametroDefinizione
URL legacyURL di origine per reindirizzare a SFCC
[i]Indica che la regola distingue tra maiuscole e minuscole: ogni lettera maiuscola è importante
PPipeline
<locale>Consente la localizzazione quando un sito è in più lingue (es. BE FR e BE NL).
<parameter name>,<parameter value>Reindirizza a un URL filtrato

Reindirizziamo gli URL agli ID SFCC e non ad altri URL come in un classico file .htaccess.

L’uso di caratteri wildcards è possibile, ad esempio aggiungendo “**” alla fine dell’URL legacy, reindirizzerà tutta una serie di URL inclusi nello stesso percorso.

Ad esempio /azerty/qwerty** reindirizzerà i seguenti URL:

  • /azerty/qwerty/123/
  • /azerty/qwerty/456/

L’ordine è importante anche in questo modulo: il reindirizzamento prioritario è quello posto sopra.

  1. Dynamic Mapping

Dynamic Mapping è il modulo meno potente, quindi consente di modellare regole di reindirizzamento generiche per garantire che nessun URL di origine venga dimenticato.

Consiglio per risparmiare tempo nella realizzazione di un piano di reindirizzamento: attraverso lo scraping degli ID delle pagine si estrae l’XPATH, quindi si esegue la scansione dell’ambiente Staging:

In questo modo otterrai tutti gli ID e una tabella di corrispondenza con gli URL: ciò semplificherà il compito di testare i reindirizzamenti.

  • Rilevare potenziali errori di contributi e/o di configurazione con l’URL Request Analyzer

L’URL Request Analyzer è un ottimo strumento per comprendere il comportamento SFCC di un determinato URL quando quest’ultimo non si comporta come vorremmo (es. generare un reindirizzamento 302, invece di una visualizzazione del codice 200).

In particolare, permette di rilevare eventuali regole storiche che potrebbero bloccare le nostre nuove configurazioni.

Unico inconveniente: lo strumento non può essere utilizzato in massa su un elenco di URL.

  • Genera un sitemap XML

Nel modulo Sitemaps puoi generare un indice sitemap e integrarvi gli elementi che desideri: prodotti, immagini, categorie, contenuti, cartelle, pipeline e sitemap custom.

Puoi suddividere questi elementi in file separati o raccoglierli in un unico file.

In questo modulo puoi anche configurare quanto segue:

  • Frequenza di aggiornamento
  • Livello di priorità
  • Le tipologie di prodotti da inserire (disponibili, non disponibili, ecc.)

L’aggiunta di un sitemap custom può essere molto pratica per inserire le pagine di categoria filtrate importanti, d’altra parte dovrà essere aggiornato a mano regolarmente.

Ottimizzazione del tempo di caricamento su SFCC

Salesforce è un CMS con un tempo di caricamento di base veloce, in particolare grazie al suo modulo interno DIS che permette di ottimizzare le immagini del prodotto.

Tuttavia, per aggiungere ottimizzazioni specifiche, in particolare per i Core Web Vitals, è necessario passare attraverso una fase di sviluppo.

Quali sono i limiti SEO di Salesforce B2C Commerce?

Come ogni CMS, SFCC ha i suoi limiti in termini di ottimizzazione SEO, che non sono, tuttavia, insormontabili.

I limiti di SFCC:

  • Assenza del file .htaccess
  • Utilizzo complesso dei log del server
  • Necessità di risorse aggiuntive per garantire lo sviluppo di alcune implementazioni SEO come i microdati schema.org
  • Poca documentazione sulla soluzione
  • Mancanza di plugin simili a quelli presenti in altri CMS

Condivisione dell’esperienza – In che modo Eskimoz supporta Petit Bateau nella sua strategia SEO? Intervista a Jonathan Boudault, Traffic & Acquisition Manager.

QUALI SONO LE PRINCIPALI AREE DI SVILUPPO SEO PER PETIT BATEAU?

Petit Bateau opera in un mondo molto competitivo, per migliorare la nostra visibilità naturale strutturiamo la nostra strategia intorno a 3 assi: la tecnica, la semantica, i backlink. Il nostro sito è in continua evoluzione, miglioriamo costantemente la UX e il percorso di acquisto, quindi la SEO deve essere considerata in parallelo per garantire che questi sviluppi soddisfino gli standard dettati dai motori di ricerca.

Come molti rivenditori, rinnoviamo le nostre collezioni due volte all’anno, perciò anche il nostro SEO, tecnicamente e semanticamente, deve essere adattato a questi cambiamenti regolari.

Ottimizzazione tecnica/Ottimizzazione semantica/Ottimizzazione

SALESFORCE VIENE SPESSO CRITICATO PER LA SUA MANCANZA DI FLESSIBILITÀ IN TERMINI DI IMPLEMENTAZIONI SEO, CONDIVIDE QUESTO PARERE?

Come la maggior parte dei CMS, se non installiamo nessun plugin o non facciamo nessuno sviluppo specifico, l’ottimizzazione SEO è spesso molto difficile o addirittura impossibile.

Se siamo supportati da partner con una reale competenza sia in ambito SEO che in Salesforce, allora realizziamo fin dall’inizio questi sviluppi specifici che ci consentono di ottimizzare ciascuna delle nostre pagine.

Salesforce mette costantemente a disposizione degli inserzionisti nuovi strumenti, incluso Page Designer. Questo strumento è utilizzato da diversi team di Petit Bateau. Innanzitutto, dall’animazione che può, così, progettare pagine e-commerce in completa autonomia senza passare per gli integratori: basta usare i widget e aggiungere elementi in Drag and Drop. Poi dal team SEO che ora può facilmente progettare pagine SEO profonde che serviranno, in particolare, a ottimizzare i link interni del sito.

QUALE bilancio SEO può tracciare DAL PASSAGGIO A SALESFORCE NEL 2018?

Come per qualsiasi migrazione, abbiamo perso alcune posizioni quando siamo passati su SFCC nel 2018. Siamo stati ben supportati, abbiamo riacquistato la nostra visibilità dopo poche settimane. Da allora guadagniamo costantemente posizioni sulle parole chiave su cui puntiamo. Più avanziamo, più cerchiamo parole chiave in cui la concorrenza è alta.

Il nostro obiettivo è quello di apparire o rimanere nella TOP 5 delle circa venti parole chiave su cui puntiamo.

IN CHE MODO ESKIMOZ VI SUPPORTA NELLA CRESCITA?

Eskimoz ci supporta facendo leva su due pilastri principali: tecnica e semantica. Il team beneficia di una solida esperienza su SFCC.

Con l’aiuto di Eskimoz siamo sicuri che il nostro codice rispetti gli standard SEO (ottimizzazione del tempo di caricamento di pagine/immagini, ottimizzazione e reindirizzamento URL, gestione dei 404, ottimizzazione delle immagini, link interni, creazione di contenuti, gestione di sitemap e di Search Console.

Eskimoz ci supporta sia nella strategia quick-win che nella strategia a lungo termine.

Essere supportati da esperti SEO x SFCC

È fondamentale essere supportati da esperti SEO x SFCC. Molte agenzie che non hanno familiarità con SFCC offrono consigli che sono certamente rilevanti, ma impossibili da implementare tramite Salesforce.

Risparmierai molto tempo scegliendo Eskimoz per supportarti nella tua strategia SEO perché conosciamo perfettamente Salesforce B2C Commerce e siamo in grado di implementare i nostri consigli nel Business Manager: ciò faciliterà il lavoro del tuo team.

Se questo articolo ti è piaciuto, puoi lasciare un commento o seguici su Facebook o seguici su Twitter.

Questo articolo è stato pubblicato in Référencement naturel e taggato . Inserisci il collegamento permanente ai tuoi preferiti.

VUOI SAPERNE DI PIÙ SULL'ATTUAZIONE DI UNA STRATEGIA SEO?

Non esitate a contattarci ora!

0 risposte per "SEO SU SALESFORCE COMMERCE CLOUD (COMMERCIO B2C): OTTIENI IL MEGLIO DAL TUO CMS"